AUSTRALIA AUSTRALIAN CLIC

BRISBANE: UNA GIORNATA AI BOTANIC GARDENS A MT COOT-THA

on
8 Luglio 2019

Perdersi a Brisbane…

fra foreste pluviali e selve di bamboo

Siamo in cerca di una giornata semplice, tranquilla. Non vogliamo spostarci di troppo dalla città ma al contempo bramiamo un luogo rilassante e lontano dalle folle e dal rumore.

Cerchiamo tutto ciò che di solito si cerca nella natura: una bellezza lussureggiante, selvaggia, la tranquillità del camminare sul terreno soffice, la sensualità delle fronde delle piante, dell’aria balsamica intrisa del profumo dei boschi e della terra umida.

Mentre rifletto sul da farsi, mi ricordo di quando mio fratello – il quale è stato in Australia nel 2015 – mi raccontò che in questo paese i giardini botanici sono davvero impressionanti. Non stento a crederlo, considerando anche solo la magnificenza dei normali parchi cittadini. Così ci informiamo e scopriamo che a Brisbane esistono ben due luoghi di questo tipo: i Botanic Gardens del centro città e i Botanic Gardens di Mt Coot-tha.

Chiediamo informazioni a Jhon, il nostro ospite Air BnB, e anche lui ci conferma che si tratta di un luogo incantevole dove poter trascorrere diverse ore circondati dal verde. Ormai non abbiamo più alcun dubbio: dobbiamo assolutamente visitare questi giardini!

Mt Coot-tha: una vista mozzafiato sulla città

Come poter iniziare al meglio questa giornata all’insegna del green se non giungendo sulla sommità di una piccola montagna boscosa a soli due passi dalla città?

Mt Coot-tha è un monte che sorge a nord-ovest di Brisbane e dalla cui cima si può godere di una vista panoramica strepitosa su tutta la città. Ho già più volte sottolineato come Brisbane sia una città completamente a misura d’uomo: verde in ogni dove, traffico quasi inesistente, un lungo fiume rilassante e sobborghi popolati da graziose casupole in legno con verande ed altalene. Eppure è popolata da oltre 2 milioni di abitanti (come Milano, per avere un termine di paragone) e si contende con Perth la terza posizione nella classifica delle città più grandi d’Australia.

Detto questo, non appena mi affaccio dal terrazzamento del Mt Coot-tha Loockout, vengo assalita dalla consapevolezza della sua enormità: Brisbane si estende infinita di fronte al mio sguardo. Centinaia, migliaia di abitazioni si rincorrono nel verde perdendosi a vista d’occhio e affievolendosi solo laddove l’oceano lambisce la terra. Ma quanto sei immensa?!

L’immagine di seguito, parla da sé 🙂

Potete raggiungere questo punto panoramico direttamente in auto oppure percorrendo un sentiero che attraversa i boschi che rivestono la montagna (poco meno di 2 chilometri dalla base all’apice).

La vista da Mt Cootha Lookout

La vista della città dal Mt Coot-Tha

Botanic Gardens Mt Coot-tha

Prima piacevolissima sorpresa non appena giungiamo all’ingresso dei giardini: l’entrata è assolutamente libera. SEMPRE. Una gentile signora ci accoglie fornendoci una mappa e qualche informazione basilare sul luogo. Apprendiamo che è in corso una mostra di sculture d’arte contemporanea disseminate nel parco e la cosa mi alletta non poco.

Iniziamo la nostra immersione in questo luogo magico con il cuore a mille per l’eccitazione (a me i giardini botanici sono sempre stra piaciuti). Ci ripromettiamo di non aver fretta, di godere di ogni passo, di ogni dettaglio, di ogni profumo, di vivere quel momento come se l’orologio non esistesse.

La natura sa ogni qualvolta sorprendermi e lasciarmi senza parole. Anche ora fatico a trovare il modo appropriato per descrivervi la bellezza di quanto abbiamo ammirato. E pensare che si tratta di una meraviglia alla portata di tutti, una fra le cose più preziose al mondo di cui tutta l’umanità può gioire. Sì, perché per una volta non serve essere ricchi per circondarsi di un bene di tale inestimabile valore: ti basta raggiungere un bosco, un prato, una spiaggia, un parco…per sentirti magnificamente bene.

Questo è un altro aspetto rasserenante della natura: la sua immensa bellezza è lì per tutti. Nessuno può pensare di portarsi a casa un’alba o un tramonto.

Tiziano Terzani

Dopo pochi passi e uno sguardo alla mappa, ci rendiamo conto che i giardini botanici sono molto più estesi di quanto pensassimo. Decidiamo quale rotta seguire e partiamo per il nostro viaggio nella biodiversità subtropicale australiana.

BOTANIC GARDENS: UN PO’ DI STORIA

Forse non tutti lo sapete, ma i primi antenati dei giardini botanici (i cosiddetti hortis sanitatis) erano collocati all’interno degli antichi ospedali o monasteri di epoca medievale. Qui i monaci coltivavano piante ed erbe medicinali per studiarne le proprietà terapeutiche e medicamentose. I giardini venivano dunque utilizzati soprattutto a scopo farmaceutico, ma già all’epoca erano anche apprezzati per la loro bellezza.

Nel corso delle 5 (o forse 6) ore successive attraversiamo un MONDO e ad ogni passo restiamo ammaliati da ciò che ci circonda: il riflesso multicolore delle nuvole negli stagni costellati di ninfee e fiori di loto, il profumo intenso e selvatico delle felci o quello dolce e avvolgente dei gelsomini, il cinguettio degli uccelli, lo scosciare dell’acqua delle cascate.

Come anticipato poc’anzi, le parole non sono sufficienti per descrivere questo luogo così come vorrei. A seguire vi elenco, in sintesi, quali sono le aree peculiari di questi giardini, e lascerò poi alle immagini il compito della comunicazione emotiva 🙂

Botanic Gardens Mt Coot-tha: le diverse sezioni

FRAGRANT GARDEN: dove potrete socchiudere lo sguardo e lasciarvi condurre in un viaggio sensoriale dai profumi e dagli aromi delle piante di questo giardino. Troverete erbe medicinali o culinarie provenienti da ogni parte del mondo.

FORESTA DI BAMBOO: ma voi lo sapevate che i bamboo possono arrivare ad altezze di diverse decine di metri? E soprattutto: lo sapevate che crescono a velocità sorprendenti, anche OLTRE UN METRO AL GIORNO?! Ci ritroviamo avvolti in queste siepi, riscaldati dai raggi del sole che filtrano radenti fra una fessura e l’altra, contribuendo a creare un’atmosfera quasi onirica…stupiti come sempre dalle potenzialità della nostra amata madre natura

ZONE DESERTICHE: fra dune di sabbia e cactus giganti, una riproduzione fedelissima degli entroterra africano e del centro America. Aloe vera, Euphorbia, Kalanchoe…sono solo alcuni degli esemplari di flora che popolano quest’area.

GIARDINO GIAPPONESE: avete presente quei parchi tanto belli che si vedono negli anime giapponesi? Con tanto di fiumiciattoli, ponticelli, chioschi in stile zen affacciati sulle acque e lambiti dai rami dei ciliegi…

CUPOLA TROPICALE: un’imponente struttura geodetica in vetro e metallo che ricrea al suo interno un microclima speciale atto ad ospitare la flora tropicale di ogni parte del mondo. Al centro, uno stagno abitato da bellissime ninfee e da pesciolini autoctoni.

FORESTA SECOLARE DI PIANTE NATIVE AUSTRALIANE: un’area estesa 27 ettari che include anche una laguna artificiale nella quale viene raccolta l’acqua piovana proveniente dalle montagne. All’interno vi si trovano oltre 40 specie piuttosto rare per le quali è stato ricreato l’habitat naturale, ma anche una grande foresta di eucalipti, piante queste molto diffuse soprattutto nella regione della East Coast australiana.

BONSAI HOUSE: mi hanno sempre affascinata moltissimo! Si tratta di un’antichissima arte cinese e giapponese per cui vengono ricreati artificialmente, sfruttando delle tecniche complesse affinate nel corso degli anni, degli alberi in miniatura. Alcune di quelle che potrete vedere in questo parco hanno oltre 60 anni!

LA CASA DELLE FELCI: vi si possono ammirare oltre 80 differenti tipologie di felce. Questa particolare pianta ricopre un ruolo di fondamentale importanza nel bio-equilibrio della natura, fornendo un habitat adatto nonché sostentamento a diverse specie animali (non ultimo all’uomo, che da sempre le sfrutta come cibo, a scopo medicinale o come fibre vegetali). La presenza di queste piante nei fossili ci dimostra che esistevano già centinaia di milioni di anni fa…interessante, no?7

FORESTA PLUVIALE: mi addentro in uno stretto sentiero, oltre la laguna. Non sento alcuna voce, sono sola. Proseguo e incontro un ruscelletto: si sente solo il mio respiro, lo scrosciare dell’acqua e lo zampettare di qualche tacchino selvatico. Di fronte a me, una distesa fitta ed infinita di palme dai fusti alti e sottili e dalle lunghe radici che si ancorano nel terreno in senso verticale. Mi ricordano le mangrovie 🙂 Solo una parola per descrivere questa rainforest: WOW!

Un concerto rock anni Settanta fra immerso nella magia della natura

Ultima chicca: siamo di ritorno dall’area lagunare dei giardini, passeggiamo fra le immense piante secolari della foresta australiana. Che cos’è? Enrico, lo senti anche tu? Da lontano giunge l’eco di una canzone, qualcosa che non mi è nuovo. Proseguiamo il cammino e il suono si fa più intenso ad ogni passo. Ecco, ora la riconosco: Smoke on the water, la canzone dei Deep Purple! Ma da dove arriva?

Non tardiamo a comprenderlo. Svoltata una curva del sentiero, ci ritroviamo di fronte ad una distesa erbosa circondata dal bosco, al centro della quale svetta un palco da cui un gruppo musicale si sta esibendo in un modo strepitoso! Mi sembra di essermi catapultata all’improvviso negli anni Settanta: gente seduta ovunque, coperte distese sull’erba, furgoncini che vendono cibo e birra, ragazze a piedi scalzi che danzano sotto il palco. Dopo 4 ore di silenziosa e totalizzante immersione nel verde, non poteva mancare il concerto rock, che dite?! 🙂

"<yoastmark

Mt Coot-tha e Botanic Gardens: come arrivare

Noi li raggiungiamo in auto, perché Jhon si offre gentilmente di accompagnarci 🙂 In macchina dal centro città sono circa 10 minuti di strada (5 chilometri).

Se invece scegliete i trasporti pubblici, calcolate circa dai 20 ai 30 minuti (in quanto dovrete effettuare un cambio di bus). Come al solito, per le informazioni riguardanti i trasporti in città e nel Queensland vi rimando all’articolo dedicato che trovate QUI e che riporta anche il link ufficiale alla rete di trasporti Translink.

INFORMAZIONI PRATICHE
  •  Sito web BRISBANE BOTANIC GARDENS MT COOT-THA
  • Ingresso LIBERO
  • Orari di apertura: 8:00 – 18:00 (settembre-marzo) 8:00 – 17:00 (aprile-agosto)
  • I giardini includono il Queensland Herbarium, il Planetarium ed una biblioteca
  • Periodicamente vengono organizzate delle visite guidate gratuite della durata di circa un’ora. Vanno prenotate, potete verificare gli orari sul sito ufficiale nella sezione delle attività
TAGS
RELATED POSTS

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VALENTINA
BERGAMO

Ciao! Mi chiamo Valentina, sono dell'ariete, ho più o meno 30 anni e sono un'inguaribile sognatrice! Le mie più grandi passioni, anzi, i miei amori, sono l'arte, la fotografia, la letteratura, la poesia e...il mondo! Ma il mondo quello vero,quello autentico, quello fatto di persone, di diversità, di odori, di sapori, di colori, di scorci, di inaspettati incontri...il mondo che ti fa innamorare e che ti fa dimenticare dell'esistenza dell'orologio. Dovete sapere che nella vita di tutti i giorni sono un'ansiosa cronica ossessivo compulsiva nei confronti del tempo: tempo che non c'è, che non basta mai, tempo che scorre, tempo rubato o tempo sprecato. Ma...quando sono nel MONDO, questo mondo VERO, il tempo non esiste, tutto si dilata e mi avvolge e l'unico ritmo che scandisce le mie giornate è quello del mio cuore che batte, che si sente vivo, che si emoziona e che si sente...a casa. Il mio sogno più grande? Vivere non viaggiando...ma VIVENDO questo mondo. Sempre. Costantemente. Sapete? I sogni...sono sogni perché prima o poi si avverano. Altrimenti si chiamerebbero utopie :)

CLIC my TRIP
Logo CLIC my TRIP
SOCIAL
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

Cosa cerchi?

Iscriviti alla NEWSLETTER per restare aggiornato

sui vagabondaggi per il mondo di CLIC my TRIP

e sulle nostre avventure australiane!

Lo prometto: non intaserò la tua casella di posta elettronica! :)

CI STAI?

 

La tua iscrizione è completata!

There was an error while trying to send your request. Please try again.

CLIC my TRIP will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.
TRAVEL QUOTES

E non c’è niente di più bello dell’istante che precede il viaggio, l’istante in cui l’orizzonte del domani viene a renderci visita e a raccontarci le sue promesse.

— Milan Kundera
LAST TRIP –> BANGKOK aprile 2019

NEXT TRIP –> BRISBANE 2019-2020

SEGUIMI su FACEBOOK!
Map of Countries Visited
I've been to 22 out of 217 countries (10.14%)

Blog della community Travel Blogger Italiane

Iscriviti alla NEWSLETTER per restare aggiornato

sui vagabondaggi per il mondo di CLIC my TRIP

e sulle nostre avventure australiane!

Lo prometto: non intaserò la tua casella di posta elettronica! :)

CI STAI?

 

La tua iscrizione è completata!

There was an error while trying to send your request. Please try again.

CLIC my TRIP will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.