Senza mai arrivare in cima libro
Letteratura di viaggio

Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya

on
18 Marzo 2020

Senza mai arrivare in cima libro

“Senza mai arrivare in cima”: un libro in cui protagonista non è la meta, ma il viaggio stesso

Oggi, amici lettori, voglio parlarvi di un libro che mi ha toccato l’animo e che lo ha fatto con una sensibilità quasi impercepibile.

Ho ricevuto questo piccolo libricino in dono da una coppia di amici per il mio trentesimo compleanno.

Non ne avevo mai sentito parlare. Copertina rigida, poco più di un centinaio di pagine, formato piccino.

Devo dire che di solito non sono attratta dai libri mignon. Non chiedetemi il perché, ma tendo a schivarli. Sarà capitato anche a voi, ad esempio con le serie TV: ne trovate finalmente una che vi ispira, ma quando constatate che si tratta di una sola stagione tendete ad essere riluttanti e, magari, a scartarla. Non è così?

Con i libri mi accade perché di fatto essi rappresentano un po’ una seconda vita per me, un mondo parallelo in cui trovare rifugio dalla quotidianità. E come nella vita reale, ci vuole tempo affinché si entri in sintonia con le persone o si possa riporre in esse la nostra fiducia.

LEGGI ANCHE  Un indovino mi disse: il libro che mi ha fatta innamorare dell'Asia

Così, quando mi tuffo nelle pagine di un libro, ho bisogno di tempo per stringere un legame profondo con il personaggio e il contesto. E quando si parla di libri, naturalmente, il tempo viene misurato in pagine.

Per cui se mi trovo fra le mani un volume piccino, è come se in un certo senso sapessi già che non sarà abbastanza, che non potranno quelle poche pagine “entrarmi dentro”.

Con Senza mai arrivare in cima è accaduto l’esatto opposto.

Senza mai arrivare in cima: il racconto di un viaggio in Himalaya e dentro se stessi

Ho iniziato questo racconto un po’ per caso e un po’ per scelta obbligata.

Succede sempre che quando devo partire per un viaggio, mi vedo costretta a portare con me più di un libro: quello che sto leggendo al momento della partenza e che non ho ancora ultimato, ed un secondo che inizierò al termine del primo.

Così in questa occasione, complice l’esigenza di gravare le mie spalle con meno peso possibile, scelgo proprio lui.

Il libro è un diario di viaggio a tutti gli effetti.

Siamo alla fine del 2017 e l’autore ha passato i 40 anni. Decide di partire con una spedizione diretta nel più remoto angolo del Nepal, unico luogo ancora rimasto ancorato ad un passato immenso e per lo più ormai perduto.

Una regione che in toto si estende sopra i 4000 metri, irraggiungibile tanto dai monsoni quanto da strade e trasporti.

L’obbiettivo: poter essere spettatore di quel Tibet che oggi non esiste più.

E così il libro non è che la cronaca personale di un viaggio che per circa sei settimane vede l’autore cimentarsi in questo cammino montano del tutto singolare.

Per una volta, infatti, scalare la montagna non ha nulla a che vedere con il raggiungimento della vetta. Per lui e per i suoi compagni, è il viaggio stesso ad acquisire un senso profondo.

Il viaggio si fa così pellegrinaggio: attraverso un luogo, e dentro se stessi.

Il pellegrinaggio rappresenta nelle varie culture un percorso di purificazione che sempre conduce ad una meta: Santiago, la Mecca, la città sacra sul Gange.

L’autore però si ricorda che il più importante pellegrinaggio tibetano consiste nel compiere un giro completo attorno al monte sacro – e per cui irraggiungibile – Kailash.

I cristiani piantano croci in cima alle montagne, i buddisti tracciano cerchi ai loro piedi. Trovavo della violenza nel primo gesto, della gentilezza nel secondo; un desiderio di conquista contro uno di comprensione.

Ed è in questo modo che il cammino dell’autore si sviluppa per oltre 300 chilometri “senza mai arrivare in cima”, attraversando 8 passi e superando i 5000 metri di altitudine, ma mai fino alla vetta.

Insoliti sono i protagonisti di questo racconto: le riflessioni del pellegrino, un libro sacro, gli schizzi sul taccuino da disegno, il mal di quota, e anche Kanjiroba, il cane che per quasi tutto il viaggio accompagnerà la carovana attraversando valli, scarpate, ghiacciai.

Un viaggio a piedi e con il minimo indispensabile

Il camminare, riflette l’autore, riduce gli uomini e la vita stessa all’essenziale: mangiare, dormire, pensare. A volte…l’incontro con qualcuno, qualche viandante che incrocia il tuo cammino.

Nessuna o quasi delle invenzioni del nostro secolo sono essenziali in tutto questo, se non un buon paio di scarpe e, nel caso dell’autore, un libro nello zaino.

Senza mai arrivare in cima: perché consiglio questo libro?

Consiglio a tutti i viaggiatori questo libro perché rappresenta in un certo senso quella parte un po’ recondita e più spirituale che vive dentro ognuno di noi, quella componente del che solo un viaggio…un viaggio vero…è in grado di far emergere.

Una metamorfosi, dunque, dell’uomo che in viaggio perde un po’ di ciò che era e acquista molto di ciò che invero è.

E perché in fin dei conti, tutti i giramondo lo sanno: la parte più importante di un viaggio non è la meta finale, ma il cammino stesso.

Potete acquistare questo libro su Amazon proprio QUI

Buona lettura!

 

Se anche tu sei un appassionato di letteratura di viaggio, puoi trovare altri consigli sulla pagina dedicata di CLIC my TRIP –> LETTERATURA DI VIAGGIO

 

TAGS
RELATED POSTS

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VALENTINA
BERGAMO

Mi chiamo Valentina e sono qui perché voglio farvi conoscere i miei sogni. Per farlo vorrei partire da una frase, per raccontare una storia: "...siamo quello che sentiamo e percepiamo. Se siamo arrabbiati siamo la rabbia. Se siamo innamorati siamo l'amore. Se guardiamo un innevato picco di montagna siamo la montagna. Mentre sogniamo siamo il sogno". É una frase di Tich Naith Han, monaco buddista tutt'ora vivente. Una persona straordinaria ed ordinaria nel medesimo tempo. Ribelle nell'animo, arrestato e torturato più volte, distante da qualsiasi forma di vita ed espressione che non si chiami amore. É addirittura stato controcorrente rispetto ad alcune forme di Buddhismo tradizionale, ma il suo messaggio d'identità e rispetto è più che mai attuale. "...mi piace molto ascoltare la pioggia, è un suono bellissimo" (da "Quando bevi il tè', stai bevendo le nuvole") e piace molto anche a me. Non posso e non desidero di certo paragonarmi a lui, ma l'arte, la bellezza, la fotografia, la letteratura e la poesia sono il mio sogno. Attraverso queste espressioni del Pensiero e dello Spirito sento di riuscire a cogliere DAVVERO l'anima del mondo. Ma il mondo quello VERO, quello autentico, quello fatto di persone, di diversità, di odori, di sapori, di colori, di scorci, di inaspettati incontri. Come dice Tich Naith Han, sento distintamente di appartenere a questo sogno, e vorrei spartirne una piccola fetta con tutti voi.

Se pensi che quello che ho da raccontarti sul mondo

dei viaggi, dei colori, delle esperienze sensoriali,

possa essere interessante per te e per chi ami,

iscriviti alla mia NEWSLETTER

segui le mie pagine

Icona Facebook

La tua iscrizione è completata!

Errore. Per favore, riprova.

CLIC my TRIP utilizzerà le informazioni che fornirai per mantenersi in contatto con te e tenerti aggiornato. Non riceverai alcun materiale pubblicitario